POLVERIERA GARZONI PALMANOVA

Nella giornata di martedì 6 dicembre 2022 alcune classi del Polo Liceale A. Einstein hanno avuto l’occasione di partecipare in Aula Magna alla presentazione della mostra fotografica They took away our voice. So we will tell our story through pictures instead, a cura di Mattia Bidoli, e alla presenza della Dirigente Scolastica Dott.ssa Maria Elisabetta Giannuzzi e dell’Assessore alla Cultura del Comune di Palmanova Dott.ssa Silvia Savi.

Mattia Bidoli, prestigiatore professionista e fotografo, ha collaborato con diverse associazioni e ONG presso ospedali pediatrici e oncologici, campi profughi e zone di guerra. È il fondatore della Photography School, scuola di fotografia nata all’interno dello spazio protetto e dedicato alle donne “Casa Base”, nel campo profughi di Diavata (Grecia).

Durante il suo intervento in Aula Magna, Mattia Bidoli ha raccontato di come sia nata la sua dedizione al volontariato e agli aiuti umanitari. Già in giovane età, infatti, si trovava diviso tra i suoi impegni scolastici e l’attività di “clown in corsia” presso gli ospedali. Da lì è nato il suo impegno per aiutare l’altro, che l’ha presto portato oltre confine in paesi come Bielorussia, Grecia, Iraq e Iran. Mattia ha poi mostrato agli studenti il montaggio di alcune sue foto da lui scattate durante la sua attività al campo profughi di Diavata. Immagini in bianco e nero, di giovani donne e di madri, dei loro bambini in lacrime, del mare che ha portato via fin troppe vite.

Nella seconda parte dell’intervento, l’ospite speciale è stata Masoume, una delle oltre 40 allieve di Mattia della Photography School. Nata in Iran e cresciuta in Afghanistan, Masoume ha vissuto per un periodo nel campo di Diavata. Il suo intervento a distanza ha offerto agli alunni la possibilità di ascoltare la sua preziosa testimonianza di profuga e donna. Tramite la fotografia, infatti, Masoume ha saputo raccontare il dolore della migrazione e della violenza contro chi non può difendersi, ma anche la solidarietà che ha trovato nella scuola di fotografia. E sono proprio alcuni dei suoi scatti quelli che lei ha commentato, svelandone il contesto e il significato personale.  Inoltre, Masoume si è resa disponibile a rispondere alle domande degli studenti, che sono state numerose e interessate. Masoume nel rispondere ai ragazzi ha confidato le sue emozioni più intime durante i momenti di difficoltà e i suoi piani per l’avvenire. Ed è proprio questa sua spinta per il futuro, nonostante il passato travagliato e doloroso, che ha fatto emergere il suo instancabile ottimismo.

Un’ultima domanda rivolta a Mattia Bidoli lo ha spinto ad esprimere la sua speranza nell’avere davanti un pubblico così giovane e interessato. Infatti, l’interesse degli studenti per persone e storie che sembrano così lontane ha dato il chiaro messaggio che l’empatia e l’umanità non conoscono distanze.

Gli istanti catturati dalle macchine fotografiche delle donne della Photography School sono attualmente esposte presso la Polveriera Garzoni di Palmanova, nella mostra a cura del Circolo Fotografico Palmarino con Quick Response Team, patrocinati dal Comune di Palmanova. La mostra sarà visitabile, a ingresso libero, fino all’8 gennaio 2023, tutti i venerdì, sabato e domenica dalle 10 alle 12 e dalle 15 alle 18:30. A fare da ciceroni saranno presenti alcuni alunni del Polo Liceale, delle classi 4 LSCB, 4 LSUA, 4 LSUB e 5 LSUA.

Link di presentazione della mostra

Manifesto mostra fotografica
Skip to content