Il logo dell’ITsT Malignani di San Giorgio di Nogaro

La classe 5MECA dell’ITsT Malignani di San Giorgio di Nogaro è stata coinvolta in un progetto coordinato dai docenti Enrico Novello e Daniele Fernando Armieri, con lo scopo di comprendere l’importanza e l’efficacia del marchio per un’azienda e di elaborare un logo per l’istituto, che avesse attinenza con l’indirizzo scolastico specifico. La durata è stata di otto ore, dal 07/02/2022 al 04/04/2022, per tutti i lunedì alla quarta ora.

Sono stati realizzati quattro loghi, in quanto la classe è stata suddivisa in quattro gruppi. Nella prima fase dell’attività gli allievi hanno elaborato l’idea del logo, realizzando dei bozzetti a mano libera, con il risultato di due lavori finiti, uno a colori e l’altro in bianco e nero.

Nella fase successiva hanno riportato il disegno in digitale creando due prestazioni tecnologiche.

La prima riguarda il taglio laser eseguendo un disegno bidimensionale prima sul software Autocad e poi su Trotec. Da lì con il laser sono stati intagliati nel legno due modelli, uno più grande e l’altro più piccolo.

La seconda riguarda la stampa 3D: è stato realizzato un logo su Inventor come fosse un bassorilievo, testando colori, luci e ombre per una prima stampa su carta, per poi esportarla su Ideamaker. Da qui ne sono usciti due modelli monocromatici in 3D, con dimensioni simili a quelli realizzati con il taglio laser.

La 5 MECA racconta il progetto

Il progetto didattico di Educazione Civica che ci è stato proposto è legato alla materia di Disegno Progettazione e Organizzazione Industriale e aveva come obiettivo finale la creazione di un logo che rappresentasse il nostro indirizzo di studi: Meccanica Meccatronica. Il fatto di aver creato 4 gruppi distinti in competizione/collaborazione tra loro ha dato un po’ di brio all’attività, fornendo quello spirito competitivo necessario per esprimerci al meglio.

L’obiettivo primario del percorso di Educazione Civica è stato quello di innescare un dibattito sul nostro essere consumatori nel 21° secolo, in cui forme e immagini attirano le persone verso una visione iper-consumistica della loro vita. In questo contesto i loghi e i marchi sono un richiamo fondamentale nel mercato globalizzato, soprattutto per i giovani che vengono coinvolti senza consapevolezza dei loro acquisti, trascinati dalle mode e attirati da immagini non sempre positive o etiche. Analizzando molti marchi del mercato dei beni di consumo ci siamo resi conto di come un logo possa essere tanto significativo da identificare un’azienda nel mercato e abbiamo collegato questo alla qualità totale e come questo possa diventare un vantaggio competitivo rispetto ai concorrenti.

Abbiamo voluto invertire i ruoli mettendoci nei panni di chi sviluppa un logo, seguendo un sentiero complesso e ramificato che da una parte ci facesse riflettere sulle nostre condizioni di consumatori, sempre più consapevoli, e dall’altro portasse in superficie tutte le competenze personali, sociali e tecniche per creare un simbolo della nostra scuola.

Il progetto, durato circa 2 mesi, ci ha portato a discutere sul significato della scuola in questo periodo storico, su quale significato diamo all’indirizzo di studi che abbiamo scelto 5 anni fa e su come questo viaggio ci abbia cambiati. Tutto questo per riuscire a distillare pochi simboli significativi che potessero attrare nuovi studenti verso la nostra scuola.

Le discussioni nel gruppo classe e in gruppi ridotti hanno portato ad utilizzare, in modo guidato, alcune tecniche di lavoro originali, come il brain storming e l’analisi SWOT, per trovare delle sintesi sulle tante idee sviluppate da ognuno di noi. Infatti  questa attività ha incentivato e liberato la nostra creatività nel disegno a mano delle bozze, che normalmente sembra fuori dal contesto tecnico ma che in realtà è un aspetto molto importante anche nella progettazione di sistemi meccanici.

Dopo aver raggiunto un buon compromesso tra le idee siamo passati all’aspetto più tecnologico e che sfrutta tutte le competenze sviluppate in questi anni di studi, ovvero la modellazione solida con CAD3d die nostri progetti, per poi andare ad utilizzare le più moderne tecnologie a disposizione nel nostro Istituto: la stampa 3d FDM e il taglio e l’incisione con una macchina CNC laser.

Non sappiamo se i nostri risultati sono in assoluto ottimi, ma certamente quello che abbiamo ottenuto è qualcosa che ci soddisfa e che rimarrà nei nostri ricordi come qualcosa di importante.

Skip to content